Bollini SIAE: cosa sono e quali moduli fornire ad AMGDISK per i permessi?
16223
post-template-default,single,single-post,postid-16223,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2.1,vc_responsive
 

Vademecum Bollini e Pratiche SIAE

bollini pratiche siae amgdisk

Vademecum Bollini e Pratiche SIAE

Come richiedere bollini e permessi SIAE?

AMGDISK istruisce tutte le pratiche SIAE per conto dei suoi clienti.

Nell’ambito dei servizi offerti, l’Azienda AMGDISK gestisce direttamente le pratiche SIAE, con dei bollini semi-personalizzati che può usare per i suoi clienti.

Ma che cos’è la SIAE e cosa sono i Bollini?

La SIAE (Società Italiana Autori Editori) è l’ente di diritto pubblico, a gestione privata, preposto all’esercizio e alla salvaguardia del Diritto d’Autore, cioè il diritto di utilizzazione economica dell’opera dell’ingegno di carattere creativo.

La Legge sul Diritto d’Autore, (n. 633/1941), stabilisce (art. 181 bis) che su ogni supporto contenente programmi per elaboratore o multimediali nonché su ogni supporto (CD, cassette audio e video, CD Rom, DVD, ecc.) contenente suoni, voci o immagini in movimento che rechi la fissazione di opere o di parti di opere protette dalla legge sul diritto d’autore (art. 1, primo comma, legge n.633/1941) destinati al commercio o che vengano ceduti in uso a qualunque titolo a fine di lucro deve essere apposto un contrassegno.

Il Contrassegno SIAE – o Bollino – è lo strumento di autenticazione e di garanzia, ad uso sia delle Forze dell’Ordine sia del consumatore, per distinguere il prodotto legale da quello pirata, e consente di individuare coloro che producono o commercializzano prodotti secondo modalità illegali.

Il Bollino SIAE riporta sovrastampate le seguenti indicazioni:

  • Titolo dell’Opera
  • Nome del Produttore
  • Tipo di Supporto
  • Tipo di Commercializzazione ammessa
  • Numerazione Generale Progressiva
  • Numerazione Progressiva relativa all’opera specifica

La Legge prevede pesanti sanzioni penali per chi detiene a scopo di lucro, prodotti non contrassegnati dai suddetti Bollini e prevede sanzioni amministrative per coloro che li acquistano.

Il Bollino SIAE viene progettato e confezionato secondo modalità tali da renderlo unico, irriproducibile ed inservibile nel caso dovesse essere rimosso

Quando sono obbligatori i Bollini SIAE?

La Legge 633 del 22/4/1941 e seguenti aggiunte e modifiche apportate dalla Legge 248 del 18/8/2000 e del DPM n.338 del 11/07/2001 prevede l’applicazione (Vidimazione) dei Bollini SIAE obbligatoria per tutti i supporti indicati dalla Legge sul Diritto d’Autore; tranne specifici casi di esenzione per alcune categorie di contenuto di CD ROM (ad esempio software o driver) e per i prodotti destinati ad essere distribuiti all’estero (anche se per questi ultimi il diritto d’Autore va comunque pagato, in gran parte dei casi, in Italia).

Discorso connesso ma distinto è quello della cosiddetta Copia Privata, cioè il compenso che si applica tramite una royalty (onere SIAE) sui supporti vergini fonografici o audiovisivi in cambio della possibilità di effettuare registrazioni di opere protette dal diritto d’autore.

Quali sono i moduli da compilare per le richieste di licenza SIAE?

Il modulo da compilare e fornire ad AMGDISK per gestire le pratiche SIAE è diverso a seconda che si tratti di una riproduzione:

  • su supporti fonografici (modulo DRM2)
  • su supporti videografici (modulo DRV2)

Puoi scaricare i moduli direttamente da questa pagina cliccando sui pulsanti qui a lato.